Proviron – Caratteristiche e il suo scopo nel Bodybuilding

Mag / 2020

Il proviron è il più comune marchio associato alla molecola Mesterolone, un ormone androgeno sintetico derivato dal DHT (diidrotestosterone), prescritto generalmente in ambito medico per trattare il deficit di androgeni in stati primari.

Proprietà del mesterolone in linea generale nel campo del Bodybuilding:

Estremamente affine ai recettori AR:

Nel torrente circolatorio il mesterolone ha una forte affinità per le SHBG ( globulina responsabile del trasporto degli ormoni sessuali ) più del 60% rispetto ad altri ormoni. La sua azione e rompere il legale a tali proteine rendendo liberi gli altri ormoni, migliorando di conseguenza tutti gli effetti anabolici.

Scarso effetto anabolizzante

Nel contesto del bodybuilding il proviron® a livello muscolare viene rapidamente ridotto in un metabolita inattiva, creando un estremo debole impatto anabolico per la crescita muscolare, di conseguenza il suo reale utilizzo è dovuto per i suoi molteplici effetti secondari sul sistema endocrino.

Scarso impatto epatico

Il mesterolone oltre alla sua completa somiglianza al DHT, gli viene aggiunta nella sua struttura molecolare un gruppo metilico in C1, attribuendogli così una maggior biodisponibilità orale e apportandogli anche deboli impatti a livello di stress epatico.

Scarso impatto inibitorio sull’enzima
aromatasi

Un’altro suo utilizzo nel campo del bodybuilding è quello di ridurre in un modo molto blando il processo di aromatasi ( antiestrogenico ), per via della sua capacità di legarsi in qualche misura all’enzima P-450 essenziale per tale processo.
Sostituito da molecole più efficienti ( SERMS ) in grado di interrompere a livello tissutale il legame tra estrogeni e recettori, viene comunque tutt’ora utilizzato in concomitanza ad essi, per ampliare il rapporto tra androgeni ed estrogeni migliorando così la definizione muscolare e riducendo ritenzione idrica e tessuto adiposo.

Soppressione dell’asse HPTA

Il mesterolone pur non convertito in estrogeni (essendo una molecola 5-alfa ridotta) invia un segnale di soppressione all’asse HPTA, legata alla sua intrinseca e potente azione androgena. Sulla base dei pareri degli utilizzatori, tale fenomeno è riscontrabile già a partire da un dosaggio costante e superiore di 150mg giornalieri.

Caratteristiche psico-stimolanti

Nel campo della ricerca si è riscontrato in concomitanza a determinati farmaci specifici, una possibile interazione del mesterolone di enfatizzare degli effetti antidepressivi. Tale privilegio gli è stato attribuito per la sua spiccata dote androgena, in grado con intrinsechi processi, di presentare degli effetti psico-stimolanti positivi. Tuttavia non sono disponibili casi studio molto rilevanti che contribuiscono a catalogare il mesterolone come un’efficiente antidepressivo, rispetto alla lunga catena di farmaci specifici per questo caso.

Effetti indesiderati

Eccessiva stimolazione sessuale
ipercalcemia
ritenzione idrica
Carcinoma prostatico
Ginecomastia

Il presente articolo ha lo scopo di intrattenere e informare, il tutto ai fini di un arricchimento del proprio bagaglio culturale. Non sono presenti dosaggi ne modalità di assunzione. Pertanto elencato l’unico fine, qualsiasi tipo di azione diretta dal lettore su di sé o su terzi e ogni eventuale conseguenza, l’autore è completamente esente da ogni tipo di responsabilità.

Sasha Cim

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo

Sasha Cim | Personal Trainer Online

× Messaggio Whatsapp