Brevi accenni sulla Paleodieta

Ago / 2020

Cos’è il regime Paleo e i suoi principi

La dieta paleontologica o meglio conosciuta come paleodieta, prende origine dal concetto alimentare dell’uomo del paleolitico. Prevalentemente basata sul consumo di tutti quei alimenti reperibili in natura. Lo scopo di questo approccio alimentare è quello di evitare il consumo di tutti quei alimenti nati e elaborati dopo l’avvenimento dell’industria agricola. L’ipotesi è quella che dopo l’introduzione di alcuni alimenti raffinati ed elaborati industrialmente ( prodotti lattiero-caseari, cereali e legumi ) abbiano causato nell’uomo l’insorgenza di alcune patologie causati principalmente dal consumo di questi alimenti.

Gli alimenti della Paleodieta

Come possiamo intuire, il seguente regime prevede un apporto elevato di proteine, proprio perché l’uomo nel paleolitico, si dedicava prevalentemente alla caccia. La dieta paleo predilige questi principali alimenti; carni rosse, carni bianche, uova, pesce, selvaggina, molluschi, frutta, verdura, semi, spezie e radici. Si escludono invece, tutti quei alimenti elaborati industrialmente, in particolare; tutti i tipi di zuccheri, il sale, tutti i tipi di cereali, latticini, formaggi e tutti quei alimenti con un minimo di processo di elaborazione industriale.

Effetti del regime paleo

Il principale effetto positivo riscontrato negli individui che hanno approcciato tale regime alimentare è la significativa perdita di peso dovuto all’ approccio ipocalorico, dalle severe restrizioni alimentari e nella scorretta ripartizione dei macronutrienti. Motivi per cui tanti nutrizionisti non la prediligono soprattutto nei casi in cui il soggetto presenta già delle patologie più o meno gravi. Una particolarità degna di nota è il riscontro positivo di quei pareri ottenuti dagli sportivi che hanno approcciato tale regime riscontrando tali effetti; maggior energia nelle faccende quotidiane, aumento delle difese immunitarie, sensazione di benessere e senso di sazietà. Bisogna tener conto però che l’incidenza di questi effetti positivi sono l’insieme dello stile di vita effettuato dagli sportivi, e no dall’approccio mirato del regime.
Infine un’altra considerazione molto importante è l’approccio su lunga scala di questo regime, che potrebbe causare l’insorgenza di dispiacevoli effetti di sovraffaticamento degli organi, causati principalmente dall’elevata quantità di proteine giornaliere assunte.

Conclusione

È bene ricordare che anche se l’essere umano a riscontrato complicanze serie con l’introduzione di questi nuovi tipi di alimenti attraverso l’industria agricola, il profilo genetico dell’uomo si è adattato a tale approccio alimentare nel corso del tempo. Ricordiamoci che l’essere umano è onnivoro e ha bisogno della giusta ripartizione dei micro e macro nutrienti e della giusta base calorica. Non è assolutamente sensato privarsi di alcuni tipi di alimenti, sopratutto per molto tempo. Qualsiasi tipologia di approccio alimentare si prediliga per motivi salutistici, per scelte etniche o semplicemente per motivi estetici, bisogna sempre tener conto di entrare nel dettaglio attraverso il consulto di un professionista.

Sasha Cim

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo

Sasha Cim | Personal Trainer Online

× Messaggio Whatsapp